Ultima modifica: 7 Marzo 2019

Better teachers for better school

ERASMUS +  AZIONE KA1- MOBILITÀ DELLO STAFF DELLA SCUOLA – 2017-1-IT02-KA101-036130

Progetti finanziati da Erasmus +

Il progetto nasce dalla necessità espressa dal dirigente e dal corpo docente di lavorare sulla didattica inclusiva e laboratoriale per dar la possibilità ad ogni studente di vivere al meglio l’esperienza scolastica, abbassando il livello della dispersione che si presenta ogni anno nella scuola con percentuali leggermente più alte. L’interesse è focalizzato sulle materie scientifiche, perché l’insegnamento attraverso metodologie innovative basate sul cooperative learning permetterà agli studenti di avvicinarsi maggiormente a queste discipline, a volte vissute in modo distaccato e lontano dal quotidiano.  Gli insegnanti non sono ad oggi adeguatamente preparati ad utilizzare questi approcci innovativi per cui necessitano di un confronto e di formazione specifica su questi temi.  Inoltre è emersa nella scuola anche la necessità di formare i docenti sul tema della metodologia CLIL, sulle competenze ICT e le competenze linguistiche.  

Docenti del Calini presso Van Maerlant Lyceum di Eindhoven

Docenti del Calini presso Van Maerlant Lyceum di Eindhoven

Per rispondere a questi bisogni il progetto vuole realizzare un job shadowing di una settimana per 7 docenti di materie scientifiche e il dirigente, presso una scuola olandese all’avanguardia per la didattica inclusiva e laboratoriale, Van Maerlant Lyceum di Eindhoven, e inviare 21 docenti a frequentare corsi di durata variabile (1 o 2 settimane)  in Inghilterra e in Irlanda: 4 docenti a corsi formazione sulle ICT; 6 docenti a corsi di potenziamento linguistico; 6 docenti a corsi sulla metodologia CLIL; 5 docenti a corsi sulla didattica inclusiva.


Obiettivi del progetto sono:

  • stimolare e motivare i docenti all’utilizzo di nuovi approcci didattici, all’acquisizione di nuovi strumenti, la conoscenza di buone prassi, partendo dall’ambito scientifico
  • Incrementare nei docenti competenze legate alla didattica laboratoriale
  • potenziare le competenze legate all’utilizzo della metodologia CLIL così da ottemperare gli obblighi della normativa italiana
  • implementare le competenze informatiche per sviluppare nuove strategie di apprendimento
  • potenziare le competenze linguistiche dei docenti così che siano in grado di gestire al meglio progetti europei, lezioni con metodologie CLIL, didattica laboratoriale
  • migliorare l’offerta didattica della scuola offrendo la possibilità al corpo docente di confrontarsi con il contesto europeo.
  • potenziare le competenze e le capacità chiave in relazione al mondo del lavoro e al tema della cittadinanza attiva
  • promuovere la mobilità come uno strumento efficace per lo sviluppo di un progetto di crescita professionale .

Il progetto durerà 15 mesi e si articolerà nelle seguenti fasi:

preparazione: formazione linguistica e interculturale, definizione di tutti gli aspetti logistici e organizzativi, preparazione di una griglia di osservazione nel caso del Job shadowing e di altri materiali di presentazione della scuola

mobilità:

Job shadowing: 5 giorni di osservazione per complessive 20 ore  nel mese di febbraio 2018

corsi: 2 flussi di invio: uno a febbraio 2018 che coinvolgerà 9 docenti e uno nei mesi di luglio agosto 2018 che vedrà protagonisti 12 insegnanti.

Follow up: Una volta rientrati i docenti elaboreranno un’unità didattica sui temi oggetto della mobilità, daranno vita a un gruppo di lavoro che discuterà e arricchirà questi materiali  creati e progetterà e organizzerà momenti di formazione sugli stessi argomenti in modo tale da permettere una condivisione dei risultati del progetto a tutti i docenti dell’istituto.  Verrà organizzato un convegno finale sulla didattica inclusiva.

Incontro con il ministro Damian Hinds durante la formazione presso Anglolang

Incontro con il ministro dell’istruzione inglese Damian Hinds durante la formazione presso Anglolang

Oltre al miglioramento delle competenze didattiche, linguistiche e digitali il progetto aumenterà la motivazione dei docenti all’uso delle metodologie laboratoriali e CLIL e favorirà la percezione  della propria professione in una dimensione internazionale e europea. Sulla scuola si produrrà innovazione del sistema scolastico, si otterranno curricula più moderni, innovativi, diplomi più spendibili e un’aumento delle ore CLIL e una riduzione della dispersione scolastica.

La diffusione del progetto avverrà sia sul web, con la pubblicazione dei risultati e materiali del progetto sul sito della scuola e sia attraverso incontri a scuola con i docenti e i genitori e altri stakeholders, ad esempio la rete provinciale CLIL.  

Gli insegnanti acquisiranno l’abitudine a confrontarsi con contesti internazionali, a lavorare, progettare in rete e quindi saranno più disponibili e competenti nella progettazione di altre azioni e progetti europei futuri.

Durante il primo anno di attuazione 7 docenti di materie scientifiche e il dirigente hanno partecipato ad una attività di job shadowing presso una scuola olandese all’avanguardia per la didattica inclusiva e laboratoriale, 21 docenti sono invece stati formati tramite corsi della durata variabile (1 o 2 settimane) in Inghilterra e in Irlanda di cui:

  • 4 docenti a corsi formazione sulle ICT;
  • 6 docenti a corsi di potenziamento linguistico;
  • 6 docenti a corsi sulla metodologia CLIL;
  • 5 docenti a corsi sulla didattica inclusiva.

 

 

Scuole e centri di formazione coinvolti

Olanda

Van Maerlant Lyceum, Eindhoven, Olanda

Regno Unito

Anglolang Academy of English, Scarborough, Inghilterra
Oxford Int. Study Center, Oxford, Inghilterra

Irlanda

Atlas Language School, Dublino, Irlanda
Alphacollege, Dublino, Irlanda


UdA realizzate nell’ambito del progetto