Ultima modifica: 11 Gennaio 2021

STRESS@Calini

STRESS@Calini –  Skills for Teachers to Reduce Educational StresS at Liceo Calini

STRESS @ Calini è un progetto Erasmus+ finanziato dalla comunità europea e focalizzato sul benessere scolastico di studenti e docenti. Il progetto punta alla formazione dello staff attraverso percorsi che hanno come elemento principale la mobilità in un paese della comunità europea sia per partecipare a corsi e sia per conoscere le buone pratiche attraverso il job shadowing.

Attraverso il progetto l’istituto punta a: 

  • migliorare gli strumenti didattici, le competenze e le metodologie di approccio dei docenti; 
  • potenziare le competenze chiave per sviluppare interculturalità e cooperazione; 
  • sviluppare in docenti e studenti una dimensione europea intesa come consapevolezza culturale e politica, cittadinanza attiva e rete con realtà scolastiche europee per scambio di buone prassi. 

Con questo progetto il Liceo scientifico Calini intende intervenire in particolare sullo sviluppo delle competenze relazionali per migliorare il benessere scolastico e ridurre lo stress di docenti e alunni.

Diverse sono le ragioni che sono alla base del progetto e che riguardano gli studenti, ma l’aspetto più importante è che diversi studi dimostrano che la prestazione scolastica è intimamente legata alla salute dell’adolescente in una prospettiva che dura tutta la vita (Fiscella, K. And H. Kitzman, 2009). 

Da parte loro anche i docenti evidenziano un disagio importante: non sentendosi adeguatamente preparati a gestire le situazioni di difficoltà degli studenti, dimostrano talvolta scarsa capacità di riconoscere e valorizzare le caratteristiche di ciascuno, incontrano difficoltà nella gestione delle relazioni non solo con gli studenti, percepiti sempre più fragili, in crisi e schiacciati dalle aspirazioni dei genitori, ma anche con i colleghi e in parte con le famiglie. A ciò si aggiungono la percezione generalizzata di mancanza del tempo necessario per svolgere al meglio il proprio lavoro e difficoltà a lavorare in team.

La formazione per i docenti dovrebbe aiutarli a riconoscere i sintomi del burn-out e fornire loro strumenti per chiedere aiuto e rimotivarli alla professione. Queste opportunità permettono l’acquisizione di tecniche e strumenti, migliorano l’uso delle lingue straniere, implementano la capacità di lavorare di gruppo e la collaborazione tra docenti provenienti da contesti diversi, creando innovazione.

Obiettivo generale del progetto

INCREMENTARE IL BENESSERE SCOLASTICO SVILUPPANDO PIÙ ATTENZIONE AGLI ASPETTI RELAZIONALI, attraverso una didattica che non si basi solo sui contenuti ma tenga conto in modo strategico anche degli aspetti emotivo-relazionali.

Obiettivi specifici

  1. implementare le competenze chiave di docenti e studenti per ridurre ansia e stress nell’istituto
  2. proseguire nel potenziamento e aggiornamento delle competenze dei docenti
  3. potenziare la dimensione europea dell’istituto

Risultati attesi 

  • 1.1 riduzione dell’ansia rilevata tra gli studenti;
  • 1.2 miglioramento delle relazioni docente/studente, studente/studente, docente/docente grazie all’acquisizione di maggiori competenze emotive di docenti e studenti e di una più profonda consapevolezza del proprio funzionamento;
  • 1.3 facilitare la coesione nei gruppi classe
  • 1.4 riduzione dello stress tra docenti e studenti
  • 2.1 maggior motivazione all’insegnamento;
  • 2.2 aggiornamento delle competenze professionali (in particolare quelle relative alla conoscenza del funzionamento emotivo e intellettivo degli studenti)
  • 3.1 creazione di nuovi partenariati e progetti internazionali
  • 3.2 incrementare l’apertura al confronto con altre culture e sistemi scolastici.

Attività

Il Dirigente Scolastico e 28 docenti frequenteranno corsi di aggiornamento individuati attraverso la piattaforma School Educational Gateway e visiteranno 3 scuole per job shadowing.

Una volta rientrati dalle mobilità i docenti suddivisi in tre gruppi lavoreranno:

  • all’elaborazione e gestione di un laboratorio per studenti sul funzionamento emotivo-relazionale;
  • sulla progettazione e realizzazione di un laboratorio per docenti sul funzionamento emotivo degli adolescenti;
  • sull’attivazione di un laboratorio per i docenti per creare figure di tutor e facilitatori, e la progettazione di nuove forme di accoglienza scolastica.

Il progetto si completa poi con una serie di altre attività di preparazione di disseminazione.

I docenti verranno affiancati da un esperto che li accompagnerà per tutta la durata del progetto. Saranno organizzati degli incontri preparatori alla mobilità e in seguito dei momenti di supervisione in modo da rendere il più efficace possibile la disseminazione delle competenze acquisite e la ricaduta sulla scuola. A conclusione l’esperto presenzierà anche ad un convegno finale aperto alle altre scuole e alla cittadinanza.

Il team di progetto stringerà con i partecipanti al progetto un accordo formale con il quale i docenti si impegneranno a:

  • partecipare alla fase preparatoria: formazione con esperto di neuroscience, riunioni organizzative, potenziamenti linguistici, attività online (piattaforma Eurydice, eTwinning, SEGateway)
  • realizzare le mobilità
  • essere attivi nella fase di disseminazione
  • partecipare al monitoraggio (aspettative iniziali/risultati, problematiche, contatti raccolti, miglioramenti)
  • operare su eTwinning in tutte le fasi di attuazione.

Ogni docente dovrà:

  • registrarsi su eTwinning, a iscriversi o ad un gruppo di discussione o seguire almeno una lezione sul tema della sua mobilità
  • individuare e approfondire su SEGateway almeno una buona prassi e individuare i corsi per lui più interessanti;
  • acquisire informazioni sul sistema formativo del paese in cui si recherà;
  • collaborare alla pubblicazione dei risultati sulle diverse piattaforme.

MOBILITÀ

Tutti i corsi individuati privilegiano un approccio interattivo che passa attraverso l’apprendimento esperienziale delle attività e degli approcci. Sono previsti workshop con brainstorming, role play, lavori di gruppo e visite di studio a scuole locali.

CORSI DI FORMAZIONE

STRESS MANAGEMENT AND RECOGNITION: KEY STRATEGIES FOR TEACHERS Ungheria (Budapest), novembre 2020, 5 docenti

Fornisce agli insegnanti strumenti e strategie efficaci per affrontare lo stress proprio e dei loro studenti. I partecipanti impareranno come favorire il proprio benessere e mantenere un clima piacevole in classe. Verranno presentati gli effetti dello stress e dell’ansia sull’apprendimento e si sperimenteranno le tecniche di rilassamento più utili in classe. Si affronterà l’intelligenza emotiva e la sua regolazione, come contrasto allo stress.

A SATISFYING SCHOOL: POSITIVE ENVIRONMENTS AND NEW TECHNOLOGIES Spagna (Barcelona), giugno 2021, 4 docenti

Per imparare a motivare gli studenti all’apprendimento, sia attraverso la creazione di ambienti e relazioni di classe positivi, sia attraverso l’uso di ICT. Sperimentando il Learning by doing, si promuove maggiore autostima e coinvolgimento degli studenti, migliorando la coesione tra insegnanti, studenti e famiglie. Si utilizzeranno app educative utili nell’ insegnamento (Facebook, Edmodo, Mindomo, quiz online).

MINDFULNESS & MEDITATION. OUTDOOR AND RELAXING EDUCATION Islanda, aprile 2021, 4 docenti

Contenuti dinamici e pratici di mindfulness, meditazione e yoga, che nell’apprendimento aumentano creatività, innovazione e capacità di concentrazione, con un impatto positivo sulle relazioni interpersonali. la meditazione ha un impatto molto positivo sull’attività intellettuale, nello sviluppo di personalità, fiducia in se stessi, tolleranza e controllo di fronte a situazioni di stress e nell’aumento della soddisfazione personale e autostima. Si sperimenteranno esercizi da utilizzare con gli studenti.

TEACHING CHARACTER: POSITIVE PSYCHOLOGY FOR EVERY TEACHER Irlanda (Tipperay), agosto 2021, 5 docenti

Come aiutare gli insegnanti a creare ambienti di apprendimento positivi per sviluppare le competenze per il 21° secolo? Durante il corso, i partecipanti acquisiranno familiarità con i concetti fondamentali della psicologia positiva come punti di forza del ruolo dell’insegnante, capacità di recupero, flusso e PERMA model: Positive emotions, Engagement, Relationships, Meaning, Accomplishment.

PEDAGOGICAL LEADERSHIP AND EDUCATIONAL INNOVATION – Finlandia (Helsinki), agosto 2021, 2 staff presidenza

Fornisce ai partecipanti i principi chiave della leadership nell’istruzione: Leadership (piani strategici, interazione genitoriscuola, ruolo attivo studenti-insegnanti, leadership co-creativa); Innovazione scolastica (pianificazione strategica, TIC e digitalizzazione, curriculo verticale); Studente al centro (sistemi di supporto e integrazione di studenti con bisogni speciali, sviluppo dei talenti, apprendimento adattivo e personalizzato); Insegnante al centro (team di collaborazione e autogoverno, valutazione, coaching e tutoraggio, gestione delle classi); Internazionalizzazione.

JOB SHADOWING

FINLANDIA Kuopion Lyseon lukio (dicembre 2020, 5 giorni) 3 docenti

L’istituto ha diverse buone prassi da condividere sul tema di progetto: la presenza di due student councellor a supporto degli studenti, oltre che di infermieri, medici psicologi e assistenti sociali specializzati nei problemi dei liceali. Per rendere la scuola luogo non solo dell’educazione ma di socializzazione e benessere, anche gli spazi mensa e ricreativi sono accoglienti e accessibili e la scuola propone inoltre molti corsi sportivi (tra cui anche lo yoga e tecniche di rilassamento) e il ballo.

SLOVENIA, Biotehniški center Naklo (febbraio 2021, 5 giorni), 3 docenti

La scuola ha una lunga esperienza nella gestione di progetti internazionali ed E+ e persegue l’obiettivo di creare un ambiente di avanguardia e sempre più idoneo all’apprendimento. Le metodologie didattiche innovative mettono al centro lo studente, motivandolo e facilitando i processi di apprendimento, con buoni risultati sulla riduzione di stress e ansia.

Verranno approfondite le iniziative che la scuola slovena ha integrato nel proprio curricolo (“How to learn?” per gli studenti; tempi dedicati ai problemi tra insegnanti e studenti, Learning Achievement Portfolio per migliorare autostima e autovalutazione, ecc.)

PORTOGALLO Agrupamento de Escolas Vale d´Este – Viatodos – Barcelos (settembre 2021, 5 giorni), 3 docenti

La scuola organizza diverse attività a supporto degli studenti e si pone come luogo educativo di aggregazione e ricreazione, proponendo corsi sportivi e percorsi di educazione alla salute, in orario extracurricolare. Attraverso la costituzione di veri e propri club (associazioni), gli studenti vivono la scuola anche come ambiente informale e luogo in cui sviluppare le competenze sociali e civiche.

SCUOLE PARTNER

Le scuole partner per i Job shadowing sono state intercettate e coinvolte tramite contatti diretti del Dirigente e dei professori del Calini che hanno selezionato le scuole come realtà esperte per il tema di progetto. In particolare:

Biotehniški center Naklo (Slovenia) è una scuola con esperienza pluriennale nella gestione di progetti Erasmus+, che la rendono aperta all’internazionalizzazione e all’avanguardia nella sperimentazione di metodologie didattiche innovative. La capacità di innovare ben si concilia con la capacità di fare in modo che i bisogni di studenti e docenti vengano soddisfatti per rendere l’ambiente scolastico un luogo di benessere.

Agrupamento de Escolas Vale d´Este – Viatodos – Barcelos (Portogallo) è una scuola che vanta la capacità di offrire numerose attività educative, anche extra-curricolari, tra cui tirocini all’estero, attività aggregative, sportive e finalizzate all’educazione alla salute. In questo senso l’istituto è in grado di condividere le proprie buone prassi nel saper promuovere un’idea di scuola aperta, non solo per l’apprendimento formale, ma anche come luogo di socializzazione e di benessere per lo studente, a contrasto della dispersione scolastica e del disagio giovanile.

Kuopion Lyseon lukio (Finlandia) è una scuola situata in una cittadina poco più grande di Brescia, con esperienze internazionali anche extra-europee e che vanta significative capacità nell’ambito dell’inclusione e del sostegno al benessere. Lo stile di vita tipicamente finlandese, in cui il contatto con la natura è essenziale, viene espresso dalla scuola, che integra diverse azioni a favore degli studenti più in difficoltà.

Con le scuole sono già stati concordati i periodi di mobilità e i contenuti del job shadowing, che prevedranno l’affiancamento dei partecipanti allo staff locale (incluso lo staff dirigenziale) per dare modo di approfondire sia l’approccio pedagogico (e quindi comprendere eventuali differenze culturali e di contesto) sia gli aspetti più organizzativi.

Ogni scuola ha già individuato un referente che sarà tutor dei 3 inviati in mobilità.

LAVORI DI GRUPPO POST MOBILITÀ

A) I docenti coinvolti dal progetto, una volta rientrati dalla mobilità, si divideranno in tre gruppi non connotati per discipline, per svolgere le attività descritte di seguito:

Primo gruppo: focus sullo studente

Attività: Progettazione (maggio 2021) e realizzazione (sett.-nov 2021) di un laboratorio pomeridiano, della durata di 5 incontri di due ore ciascuno aperti a studenti di tutte le classi.

Finalità: lavorare sul funzionamento emotivo degli adolescenti in relazione all’attività scolastica e sulla gestione psicofisica del sè. Il percorso verrà gestito possibilmente con il supporto della psicologa della scuola.

Prodotto finale: Poster realizzati dagli studenti in forma collaborativa ed esposti negli spazi della scuola.

Secondo gruppo: focus sul docente

Attività: Progettazione (genn 2021) e realizzazione (marzo 2021) di un laboratorio pomeridiano, della durata di 4 incontri di due ore ciascuno, per docenti.

Finalità: condividere criticamente la conoscenza di elementi che caratterizzano il funzionamento emotivo degli adolescenti nell’attuale contesto sociale. Il supporto della psicologa della scuola favorirà l’instaurarsi di migliori pratiche collaborative tra i diversi soggetti presenti a scuola.

Prodotto finale: Un vademecum sul benessere scolastico.

Terzo gruppo: attività di accoglienza: una per docenti e una per studenti (magg/sett 2021)

Attività per docenti: Progettazione e realizzazione di un laboratorio pomeridiano, della durata di 2 incontri di due ore ciascuno, per insegnanti di tutte le materie.

Finalità: individuare e formare docenti con funzione di supporto che possano animare momenti di condivisione sulle tematiche relative allo stress lavorativo e che diano ai colleghi di nuovo inserimento le informazioni fondamentali sulle figure di riferimento della scuola.

Prodotto finale: istituzione di nuove figure nella scuola (tutor, facilitatori) e predisposizione di un vademecum.

 

B) Attività per studenti: Progettazione di attività di accoglienza destinate ad implementare e migliorare quelle già esistenti per le classi prime e a costruirne ex novo per le classi terze.

Finalità: inserimento migliore degli studenti nell’istituto, dialogo più efficace con le famiglie.

Prodotto finale: materiali da utilizzare durante i primi giorni dell’a.s. nelle classi prime e terze.

Le attività di cui sopra sono state elaborate in fase previsionale e potranno essere diversamente declinate alla luce degli esiti e degli spunti suggeriti dalle mobilità. Le iniziative saranno accompagnate e coadiuvate da un esperto esterno sia in fase di prepartenza (per un’opportuna introduzione alle tematiche), sia, al rientro, nella fase di attuazione dei compiti di sviluppo e di disseminazione di competenze.

IMPATTI ATTESI

Impatto del progetto sui partecipanti a breve termine:

  • aggiornamento professionale (focalizzata su relazione/apprendimento)
  • miglioramento competenze relazionali
  • miglioramento competenze digitali (per i partecipanti al corso A SATISFYING SCHOOL: POSITIVE ENVIRONMENTS AND NEW TECHNOLOGIES)
  • aumentata capacità di fronteggiare le situazioni di stress professionale
  • sperimentazione e confronto in nuovi contesti didattici e culturali
  • approfondimento soft skill
  • motivazione all’insegnamento
  • aumento capacità di confronto in contesti internazionali
  • miglioramento delle competenze nell’utilizzo delle piattaforme europee
  • miglioramento delle competenze linguistiche
  • una maggiore consapevolezza della qualità delle conoscenze trasversali, acquisite nel tempo e in modi diversi
  • apertura mentale, migliore conoscenza delle lingue straniere e disponibilità al problem analysis
  • maggiore consapevolezza delle proprie capacità e dell’opportunità di confrontarle e condividerle in un contesto multiculturale.
  • crescita e ampliamento delle relazioni professionali coi colleghi
  • maggior attenzione all’inclusività

Impatto a lungo termine:

  • miglioramento delle relazioni con le diverse figure presenti a scuola
  • incremento alla motivazione e impegno nel lavoro quotidiano
  • aumento della capacità di lavorare insieme e progettare in rete
  • stimolo e competenze per presentare nuovi progetti europei

Impatto su tutti gli insegnanti:

  • aggiornamento professionale
  • acquisizione della consapevolezza culturale sull’importanza delle dinamiche relazionali per l’apprendimento
  • maggior empatia e capacità di sintonizzarsi sulle esigenze di ragazzi
  • maggiore attenzione al valore formativo delle soft skill
  • maggiore capacità di individuare e leggere situazioni di stress professionale
  • maggior collaborazione e volontà di lavorare in gruppo, a partire dai consigli di classe
  • maggiori conoscenze sul funzionamento intellettivo e sulla sua connessione con la dimensione emotiva

Impatto sulla scuola:

  • curriculum più europeo, innovativo (miglioramento del piano dell’offerta formativa)
  • maggior benessere e quindi attenzione all’inclusività (ricaduta prima di tutto sul gruppo di lavoro Inclusione che usufruirà di nuovi approcci e tecniche)
  • riduzione della dispersione scolastica
  • progetto accoglienza innovativo, adeguato ai momenti di transizione presenti nell’istituto e arricchito da alcuni nuovi strumenti (ex. Vademecum)
  • elementi di riorganizzazione che garantiscano spazi e tempi adeguati per le attività programmate
  • maggiore coesione nei gruppi classe
  • presenza di nuove figure nell’istituto a disposizione dei nuovi docenti (tutor e facilitatori)
  • maggiore visibilità su eTwinning e migliori possibilità di trovare partenariati
  • maggior numero di attività laboratoriali (didattica diversificata)
  • rafforzamento di uno staff di docenti in grado di progettare e gestire nuovi progetti europei più complessi

Impatto sui ragazzi:

  • maggior consapevolezza del proprio funzionamento emotivo
  • maggiori informazioni sulle modalità di valutazione utilizzate dai docenti
  • maggiori possibilità di costruire relazioni efficaci con i compagni e gli insegnanti
  • maggiori possibilità di apprendimento
  • motivazione all’ascolto e all’acquisizione di contenuti
  • diminuzione dell’ansia
  • mentalità più aperta, europea
  • maggior capacità di interagire col mondo
  • maggiori competenze di base
  • sperimentazione di contesti di apprendimento stimolanti e innovativi