Adottiamo una casa di riposo

Progetto “Adottiamo una Casa di Riposo”

Referente: Prof.ssa Ferrandi Ornella

 Il progetto  “Adottiamo una Casa di Riposo” ha avuto come finalità la sensibilazzione degli studenti al mondo del volontariato.

Ha previsto il coinvolgimento di una classe del Liceo Calini, la 3C - anno scolastico 2019-2020 - che ha intrapreso un percorso di conoscenza e interazione con gli anziani ospiti della Casa di Riposo Villa Elisa.

Ho scelto questa RSA perchè, rispetto alle altre in città, aveva il minor numero di ospiti (62) e quindi più adatta per poterli conoscere e interagire con tutti.

Dopo un iniziale incontro in classe con l’Educatrice e lo Psicologo che hanno fornito informazioni sulla struttura e sugli ospiti, successivamente si sono svolti, nella RSA, un paio di incontri per far fare agli studenti un giro dell’edificio e per prepararli psicologicamente ad essere pronti a capire e a vedere con i propri occhi cosa vuol dire essere anziani, malati, invalidi o soli al mondo.

Tenuto conto del delicato tema e del forte impatto emotivo, si è chiesto ai ragazzi se qualcuno non si sentiva pronto, ma nessuno si è ritirato.

Si è quindi proseguito a suddividere i ragazzi in gruppi di 3/4 e, autonomamente, ogni gruppo ha scelto uno o due pomeriggi alla settimana per recarsi alla RSA.

Le attività svolte dai ragazzi sono sempre state visionate dall’Educatrice che insegnava loro a meglio interagire con gli ospiti tenendo conto delle loro abilità e preferenze.

Il progetto è iniziato a fine settembre e si è concluso il 14 dicembre con una bella festa natalizia, aperta anche ai genitori, in cui noi abbiamo regalato un porta fotografie con l’immagine di tutta la classe e diversi oggetti utili per le attività pomeridiane (lavagna, cartelline, gessetti, colla, giochi da tavolo ecc.).

Con nostra grande sorpresa anche loro ci hanno fatto un bel regalo: un pacchettino contenente degli oggetti natalizi, fatto da loro, e un filmino, girato da un fotografo volontario, contenente i momenti più belli di questa esperienza.


Alcuni commenti degli studenti:

  • L’esperienza vissuta a Villa Elisa mi ha reso consapevole dell’esistenza di una realtà spesso troppo trascurata: quella degli anziani che vivono in una casa di riposo. Le persone che ho conosciuto a Villa Elisa mi hanno fatto capire di avere bisogno di compagnia perché trascorrono troppo tempo da sole nella propria stanza.
    Sono felice di aver contribuito insieme ai miei compagni ad alleviare la solitudine di cui soffrono tali persone.
    Alessia
  • L’esperienza nella RSA di Villa Elisa è stata molto costruttiva perchè ho imparato ad interagire con gli anziani e ho appreso alcune attività da svolgere insieme a loro.
    Ho trovato un'atmosfera serena e accogliente, tutte le persone con cui ho collaborato sono state disponibili ad aiutarmi e a sostenermi in quello che facevo.
    Sono stata felice di aver messo le mie capacità , anche quelle più semplici, a disposizione di chi ne ha bisogno ed è sicuramente un’esperienza da rifare.
    Sara
  • L’esperienza nella RSA di Villa Elisa è stata la mia prima esperienza di volontariato. Non era la prima volta che entravo in una RSA, ma avendo collaborato, sostenuto e aiutato gli ospiti, non limitandomi quindi a una semplice visita ad un parente, ho realmente capito l’ambiente della RSA e le varie situazioni  più o meno difficili che ho incontrato mi hanno fatto riflettere. Per questo reputo la mia esperienza molto costruttiva e formativa e auguro a tutti di poterne vivere una simile.
    Thomas
  • Su proposta della professoressa Ferrandi, la nostra classe ha preso parte ad un’attività di volontariato tenutasi in collaborazione con la RSA Villa Elisa di San Polo. I compiti proposti erano vari, ma generalmente miravano all’interazione tra noi ragazzi e gli ospiti e anche allo svolgimento di attività per offrire loro un aiuto. Inutile dire che tra noi ragazzi l’esperienza ha riscosso un grande successo, nonostante il fatto che per molti di noi era la prima vera e propria attività di volontariato. Questa attività ha consentito a noi in primis di aprirci alle altre persone e di offrire un aiuto a chi è meno fortunato di noi giovani.
    È stata un’esperienza che ci ha fatto maturare e ha soprattutto regalato un sorriso caldo e sincero agli ospiti di Villa Elisa.
    Lorenzo